Umane nature di Claudia Zironi

Umane nature di Claudia Zironi.

   

   

La poesia è in essenza enigma. Se così non fosse non esisterebbe l’arte. L’umana natura è rivolta a ricercare, a disvelare l’inconosciuto. L’anelito artistico di sublime originalità nell’atto estetico asseconda l’umana natura.

Parliamo dunque in versi dell’enigma dell’umana natura. Qui, con grande presunzione,  del “maschile”. C.Z.

   

UMANE NATURE (MASCHILI) I

Generale, genere, sui generis

Guardano gli dei l’umanità,
le donne gli uomini,
una donna un solo uomo

Parassiti materni per nove mesi
       simili
       per tre
       a larve d’anfibi e ratti
gusci
       a oscillococcinum probiotici
       a mezzi corredi cromosomici
culle
       di spore fameliche
       di inverecondi protozoa
       di umori e muchi

addentano l’aria in cerca di preda
senza concedersi
l’estinzione

fino all’atto, unico, ultimo, subìto
che giustifica ed assolve
la loro esistenza

Acqua sono e acqua
ritorneranno
con tre quarti di croce

troppo amati simili che aprono orridi abnormi
nel lascito terreno, nel lascivo allontanamento, nella crescita alienata dal ventre,
in pugni, voci, peni alzati
o veli abbassati
nell’offesa,
in chiavistelli serrati,
nel possesso senza appartenenza,
nelle fecondazioni imposte e in quelle negate,
nelle lacrime da noi versate

***

UMANE NATURE (MASCHILI) II

Si graffia piano all’inizio per capire
lo spessore della calce poi via via
si procede a raschiare la pellicola
degli anni, il residuo del tempo, la scorza
lasciata dagli eventi. Appare
un miracolo di tenerezza, il seno
di una madonna con bambino, il giglio
del tuo sorriso aperto, il ciglio
della gelosia. Non nascondere
oltre
al mio sguardo
l’abbagliante limite dell’universo,
la storia della scimmia, l’incesto
delle acque con il lampo, l’arresto
brusco
dell’oceano contro la scogliera, il sisma,
la collera di Ares, il peccato di Orfeo
e quello di Eva, non nascondere
oltre
al mio sguardo
che sei uomo. Non nascondere
oltre
che aneli ad altro cielo

***

UMANE NATURE (MASCHILI) III

l’aliena

surrogati di
passione amore desiderio unione comunione:   amicizia complicità condivisione-saltuaria
 nella bocca dell’uomo che non vede che di sé stesso il riflesso
che non sente se non il proprio corporeo fardello
ma neppure quello ascolta

(e si espone
preda
involuta
di una maggiore dose di egoismo femmina)

il solito cliché si ripropone
rigido
all’infinito

abbiamo imparato la sua lingua con facilità, nel tempo su questa Terra

continuiamo
a relazionare di stereotipi senza mai più provare l’agognato stupore
troppo stanche   per cercare un altro sogno
nausea da banalità  ci ricorda questa carne

che sia ora di abbandonare

tn_A zed and two noughts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: